Quadro giuridico

REGOLAMENTO (UE, EURATOM) N. 1141/2014 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 22 ottobre 2014 relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee

Regolamento (UE, Euratom) n. 1141/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, relativo allo statuto e al finanziamento dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee

L'articolo 6, paragrafo 1, del regolamento n. 1141/2014 istituisce l'Autorità per i partiti politici europei e le fondazioni politiche europee. L'Autorità è dotata di personalità giuridica. Essa è indipendente ed esercita le sue funzioni nell'assoluto rispetto del regolamento n. 1141/2014.

L'Autorità decide in merito alla registrazione dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee nonché in merito alla loro cancellazione dal registro, secondo le procedure e conformemente alle condizioni stabilite nel regolamento n. 1141/2014. L'Autorità verifica altresì a intervalli regolari che i partiti politici europei registrati e le fondazioni politiche europee registrate continuino a soddisfare le condizioni per la registrazione e le disposizioni in materia di governance stabilite nel regolamento n. 1141/2014.

L'Autorità gestisce un registro dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee.

L'Autorità verifica inoltre il rispetto, da parte dei partiti politici europei e delle fondazioni politiche europee, di una serie di obblighi stabiliti dal regolamento n. 1141/2014, tra cui gli obblighi relativi alle donazioni, ai contributi e all'utilizzo dei finanziamenti provenienti dal bilancio generale dell'Unione europea o da qualsiasi altra fonte.

I fondi destinati ai partiti politici europei non possono essere utilizzati per il finanziamento diretto o indiretto di altri partiti politici e, in particolare, di partiti o di candidati nazionali.

I fondi destinati alle fondazioni politiche europee non possono essere utilizzati per finalità diverse da quella di finanziare i loro compiti e di coprire le spese direttamente collegate agli obiettivi indicati nel loro statuto. In particolare, tali fondi non possono essere utilizzati per il finanziamento diretto o indiretto di elezioni, partiti politici o candidati o altre fondazioni.

I fondi destinati ai partiti politici europei e alle fondazioni politiche europee non possono essere utilizzati per finanziare campagne referendarie.

Nelle sue decisioni l'Autorità tiene pienamente conto del diritto fondamentale alla libertà di associazione e dell'esigenza di garantire il pluralismo dei partiti politici in Europa.

L'Autorità è rappresentata dal suo direttore, che adotta tutte le decisioni dell'Autorità a nome della medesima.